Gazzetta TMR Mexico

GP1


Siamo in México per io Gran Premio TMR GP1, importante prova per le posizione di alta classifica e per la lotta salvezza di questa emozionante massima serie.

Qualifiche che vedono già tanti colpi di scena dove TMR Raptor si va a prendere la Pole davanti a tutti con un grandissimo tempo 1.14.075, seconda fila SevenUP.

Seconda fila TMR Bonfa e TMR Kenfalco.

Mentre TMR VelocePizza e TMR Theking 7ª e 9ª piazza.

Si spengono i semafori e si parte con Raptor che subito prende il via e se ne va, è una furia un passo gara mostruoso.

Mentre grandissime bagarre per tutto il circuito Kenfalco, Pizza, bonfa, the King, Niconaples veramente questa GP1 ne ha per tutti i gusti.

Purtroppo un crash oltre la metà di molti piloti sposta un po’ gli equilibri in pista.

Vanno a chiudere così questa prova in terra messicana

TMR Raptor dimostrando una superiorità devastante si va a prendere il gradino più alto del podio è la 3ª vittoria consecutiva.

Niconaples in seconda

TMR Kenfalco in terza.

Ottima prova anche per sevenUP e TMR InterAmala che si prendono punti importanti per la lotta salvezza.

GP2


Quartultimo appuntamento per il campionato del mondo TMR categoria GP2 in quel del circuito Hermanos Rodríguez in Messico.

Neanche il tempo di vedere i primi tempi stampati sul tabellone, che subito è già tempo di colpi scena. Il giovanissimo campione del mondo, TMR Kevin, urta nel giro di lancio, il muro esterno dello stadio costruito all'interno del circiuto messicano, che lo costringerà a partire dall'ultima piazza in griglia.

Le qualifiche sfilano lisce fino agli ultimi minuti della Q3, dove TMR James Hunt con il tempo di 1:14:853, batte il pilota RedBull, TMR Pumpy che deve accontentarsi della seconda pizza battuto per soli 2 millesimi di secondo. Allo spegnimento dei semafori, il primo a partire però a sorpresa non è il pilota Racing Point ma TeoAnsia, che brucia tutti e commette falsa partenza. Dietro invece come auspicato, TMR James Hunt e TMR Pumpy di danno battaglia fino al secondo giro dove TMR Pumpy sorpassa al termine del rettilineo il pilota toscano. I due proseguono a braccetto fino al tanto temuto snake messicano, che non perdona Hunt che perde il controllo e si ritrova di colpo da secondo ad ultimo causando l'ingresso della safety car. Al giro 7° inizia il giro dei pit stop, con TMR Pumpy che si ferma per primo, strategia che si rivelerà fatale per lui. Infatti il campione del mondo ha piano piano completato la sua rimonta e conquista la prima posizione dopo il pit stop, approfittando del traffico trovato dal pilota RedBull dopo la sosta. Grazie alla spinta data dalla gomma soft, il giovane pilota riesce a maturare una quantità di secondi pari da garantirgli la prima posizione, 31,8 secondi per la precisione dal 2° classificato TMR sbiegoss che, grazie alla guida pulita mantenuta durante la gara, effettua un triplo salto mortale in avanti balzando dalla 7° posizione. Completa il podio il toscano doc TMR James Hunt che, dall'ultima posizione dopo il secondo giro, recupera e conquista il gradino basso del podio. Amara soddisfazione per il pilota RedBull che termina la gara in 5° posizione davanti al suo compagno TMR Brigante.

GP3


E' il P-Day, il giorno in cui Phred può laurearsi campione del mondo: gli basta arrivare quarto, o settimo se il rivale di un anno intero non dovesse fare punti. Che sarà una giornata piena di sorprese lo si capisce dopo pochi minuti, quando l'intera Q1 viene abolita per problemi di connessione, si passa alle imprevedibili Q brevi che però vedranno un padrone assoluto, lo stesso delle Q1 invalidate, Offalessandro. Il ferrarista conquista una pole paurosa col tempo di 14.1, ad un decimo dal miglior giro della top class GP1 in cui entrambi i rivali prenderanno parte nel 2020, terzo un ottimo Turbo. Si spengono i semafori ed ecco un ruota a ruota lungo l'intero settore 1 Phred-Offale, in cui la spunta il pilota Haas: ci riprova Offale nel settore 2 e sul lungo rettilineo del Messico ma Phred resiste e mantiene la testa in un duello emozionante. Il sorpasso arriva al giro 3, quando attivato il drs Phred nulla può ai cavalli della Ferrari e deve accodarsi. Qui Offale dimostra di averne di più, perché si mantiene oltre il secondo di distacco e vola via, riuscendosi anche a difendere dall'undercut. Nel frattempo dalla 17esima piazza sale in testa Intensesorca partito con le gialle, il pilota in lotta per la terza posizione Mondiale riuscirà a chiudere a podio al termine di una gara e strategia perfetta. Sembra tutto filare liscio fino alla fine, quando arriva incredibilmente la pioggia negli ultimi 4 giri. Nessuno dei due di testa rientra, si guida sui pattini, nessuno commette errori ma lentamente giungono al traguardo fra i brividi dei tifosi allo stadio. Offale vince il Gran Premio del Messico, ma Phred secondo è il nuovo Campione del Mondo della Gp3.



GP4




Ovviamente siamo sempre “en Mexico” per chiudere la tappa dell’America centrale categoria GP4.

Qualifiche che vedono TMR Lallodan andarsi a prendere la Pole position con il tempo di 1.14.240

TMR Luigi in piena lotta titolo con TMR the King si prendono rispettivamente 2ª e 3ª posizione e a chiudere la secondo fila un sorprendente TMR Unico.

Si forma la griglia, si accendono le luci dei semafori e si parte…

Subito vediamo accesissime lotte in tutto il circuito ed in tutti i settori i distacchi sono davvero minimi ma la lotta più importante è sempre là davanti Lallo, Luigi e King dove si scambiano ripetutamente la posizione.

Quando a metà gara esce la safety che cambia tutt e stravolge le strategie.

The King con gomma Hard va fino infondo mentre Lallo è Luigi eseguono una doppia sosta

Al giro 26 dopo una bella bagarre tra King e Luigi, quest’ultimo con gomma più performante si prende la prima posizione che si terrà fino alla fine.

Anche lallo riesce a sorpassare the King ma come spesso a dimostrato in questa stagione la precisione e la pazienza dell “AVVOLTOIO THE KING” pagano sempre. Grazie al gioco delle penalità il buon King torna in seconda posizione mettendo lallo in 3ª posizione.

Assolutamente da elogiare la gara di tutti i piloti in griglia per il grande spettacolo offerto in termini di bagarre.

Un plauso particolare alla fare di Conve che termina al 4º posto.

Calcolatrice alla mano io campionato ancora non è chiuso anche la matematica pende molto verso il piloti siciliano the King. Luigi promette di fare tutto il possibile per vincere e provarci fino alla fine.

Prossimo appuntamento con USA GP di Austin Texas gara tutta da seguire. .